Caricamento...

CHE COS'È L'ARTROSI DEL CANE E DEL GATTO ?

L'artrosi è una malattia cronica delle articolazioni che provoca la distruzione della cartilagine articolare, la produzione di escrescenze ossee (osteofiti), dei rimaneggiamenti dell'osso subcondrale e della membrana sinoviale. È molto comune nei cani più anziani e più rara nei gatti.

Provoca dolore che può progredire fino all'anchilosi.

PRINCIPALI CAUSE DELL'ARTROSI DEL CANE E DEL GATTO

  • L'artrosi si osserva normalmente con l'età : si tratta in questo caso di artrosi primaria, associata all'invecchiamento. È dovuta all'erosione permanente della cartilagine durante la vita del cane e alla diminuzione della capacità di ripristinare la cartilagine consumata.
  • L'artrosi detta secondaria appare nei cuccioli di cane (più raramente nei cuccioli di gatto), il più delle volte risulta come conseguenza ad un fattore scatenante, che impedisce all'articolazione di funzionare con normalità : malformazione dell'anca (displasia), della spalla (osteocondrite dissecante), fratture mal ridotte, rotture dei legamenti, difetti alla nascita ...

Sottolineamo il fatto che il sovrappeso dei nostri cani e gatti promuove ovviamente l'artrosi e i suoi sintomi.

PRINCIPALI SINTOMI DELL'ARTROSI NEL CANE E NEL GATTO

Il dolore e il mal funzionamento delle articolazioni colpite caratterizzano l'artrosi del cane e del gatto.

  1. Dolore « a freddo » che si esprime con la rigidità e il progressivo rifiuto di eseguire determinati movimenti (salto ...). La zoppia associata è generalmente aggravata dall'esercizio fisico (ad esempio il giorno seguente una giornata di caccia o lunghe passeggiate) e dal clima freddo e umido. Questo è lo stadio 1, il cui trattamento è essenzialmente analgesico.
  2. Possibilità di episodi acuti (il cane emette versi di dolore e non appoggia la zampa) che corrispondono a recidive progressive che richiedono il più delle volte l'uso di farmaci antinfiammatori.
  3. Nella fase terminale dell'artrosi, la zoppia è permanente, l'animale soffre e questo dolore può renderlo aggressivo.

Il contesto clinico (razza, età, ecc.) consente di orientare la diagnosi verso l'artrite primaria o secondaria.

Le radiografie eseguite dal veterinario sono indispesabili e possono rilevare anomalie a livello delle articolazioni.

CURA DELL'ARTROSI DEL CANE E DEL GATTO

Alcune vitamine (D, E, C in particolare), acidi grassi omega 3, protettori specifici della cartilagine chiamati condroprotettori come condroitin solfato, glucosamina hanno effetti benefici sulle articolazioni affette da artrosi.

  1. Trattamento sintomatico del dolore : il tuo veterinario sarà in grado di prescrivere antidolorifici o antinfiammatori per alleviare il dolore. L'utilità delle iniezioni intra o periarticolari è oggetto di discussione. Causano una sedazione duratura ma possono anche accelerare la degenerazione della cartilagine.
  2. L'intervento chirurgico può essere indispensabile in caso di artrite secondaria (displasia dell'anca, instabilità articolare, osteocondrite dissecante). È importante ricercare preventivamente eventuali anomalie articolari e correggerle chirurgicamente.
  3. Alcune vitamine (D, E, C in particolare), gli acidi grassi omega 3, i protettori specifici della cartilagine chiamati condroprotettori (condroitina solfato, glucosammina) hanno effetti benefici sulle articolazioni affette da artrosi.

Questi condroprotettori a volte possono anche permettere di ridurre le dosi di farmaci antinfiammatori somministrati in parallelo.

La glucosammina è una molecola che può essere prodotta dall'organismo e il cui ruolo principale è quello di partecipare alla sintesi dei glicosaminoglicani, elementi chiave della struttura della cartilagine. La glucosammina si ottiene a partire dalla chitina, presente nel guscio di granchi, aragoste e gamberi. Ha diversi effetti che contrastano l'insorgenza dell'artrite : ritarda la degradazione della cartilagine, stimola la produzione delle cellule che la compongono e ha un effetto antinfiammatorio.

Come la glucosamina, la condroitina è una sostanza prodotta dall'organismo, presente nella cartilagine ed estratta dalla chitina nei granchi, nei gamberi e nelle aragoste. È un prodotto ricco di silicone minerale, importante per la solidità e la salute dei tessuti. Stimola la ricostruzione della cartilagine danneggiata e ha proprietà antinfiammatorie.

PREVENZIONE DELL'ARTROSI NEL CANE E NEL GATTO

Come esposto in precedenza, l'artrosi nei cani e nei gatti si sviluppa più comunemente con l'età.

Ma le cause possono essere favorite fin dalla tenera età nel cucciolo di cane (o più raramente nel cucciolo di gatto). Infatti, una crescita troppo rapida nei primi mesi può aggravare i sintomi della displasia dell'anca o di altre malattie articolari. Un livello adeguato di calcio e fosforo, un apporto energetico controllato e un livello sufficiente di proteine ​​animali sono fattori essenziali per la crescita armoniosa del cucciolo.

Inoltre, una dieta eccessivamente ricca può causare sovrappeso nei cuccioli di cane e di gatto e negli adulti, che porterà a un sovraccarico delle articolazioni. Somministrare un alimento dietetico per far perdere peso al proprio animale domestico in caso di sovrappeso è un prerequisito per evitare un degrado accelerato della cartilagine. Le esigenze variano in base all'età, alla razza, al peso, all'attività fisica e allo stato di salute del cane o del gatto.

In sintesi, nutrire bene il proprio cane o gatto durante la crescita e durante la vita adulta aiuta a limitare i sintomi dell'artrosi in età avanzata.

L'attività fisica svolge un ruolo importante nella prevenzione dell'artrosi nei cani e nei gatti. Oltre al suo effetto benefico sul loro comportamento, un'attività regolare consente loro di non prendere peso. Ma attenzione, perché nei cuccioli di cane o di gatto, le cui ossa e articolazioni sono ancora in crescita, salire le scale, fare passeggiate troppo lunghe o fare salti troppo alti può mettere a dura prova le articolazioni e favorire la comparsa dell'artrosi.

Per le passeggiate, è preferibile scelgiere terreni sciolti piuttosto che duri come l'asfalto.

Se i problemi articolari persistono, esiste una dieta adatta all'artrosi. Gli alimenti specifici destinati ai cani e ai gatti con artrosi contengono condroprotettori che aiutano a migliorarene i sintomi. Tale dieta fa parte della gestione della malattia e deve essere prescritta da un veterinario.

Alcuni esempi :

È inoltre possibile somministrare al cane o al gatto degli intagratori alimentari sotto forma 

- di compresse :

- di polvere :

- di snack appetibili :

146 elementi

Pagina
per pagina
Imposta la direzione decrescente

146 elementi

Pagina
per pagina
Imposta la direzione decrescente